Nordgarden in concerto a Bologna @ Cine-Porto BOff, Bologna [7 luglio]

Nordgarden in concerto a Bologna


62
07
luglio
20:30

 Pagina di evento
Cine-Porto BOff
Parco 11 Settembre 2001, 40122 Bologna, Italy
Nordgarden è un artista norvegese che proviene dal songwriting “classico” della vecchia scuola americana. Con radici ben piantate nel folk, nel blues, nel gospel e nel rock, la ricerca di Nordgarden è orientata verso belle canzoni melodicamente ispirate, che abbiano una storia da raccontare, senza tralasciare la loro esecuzione, che dev’essere piena di coraggio e passione bruciante, nel solco della tradizione di figure imprescindibili come Bob Dylan, Bruce Springsteen e Neil Young, fino ad autori più recenti come Elliott Smith, Ryan Adams e Rufus Wainwright.

La sua vita cambia radicalmente quando a 14 anni assiste a un concerto di Bruce Springsteen a Oslo. Dopo aver saltellato su e giù per quattro ore di puro rock’n’roll fino ad avere i piedi completamente indolenziti, la sua rivelazione è completa. Come tutti i ragazzi della sua età, cerca un’identità, e lui la trova in una chitarra e nelle canzoni che scrive nella sua stanza, con cui prova a capire qualcosa sul mondo confuso che sta fuori. A 18 anni, finite le superiori, va per un anno a studiare musica alla Sunnhordland Folk High School a Halsnoy, un’isola a sud di Bergen, al largo della costa occidentale della Norvegia. E’ un anno di forte impatto: la natura mozzafiato, le ore interminabili a studiare musica, ma anche la lotta contro la malinconia e la sensazione di smarrimento.

L’anno seguente si trasferisce a Oslo per il servizio civile. Lavora in una scuola materna, suonando la chitarra per i bambini. Alla ricerca di ispirazione, scava affannosamente nella vivace scena rock di Oslo, dove s’imbatte in un nuovo eroe: Elliott Smith, che vede suonare pochi anni prima della sua morte prematura. Fortemente ispirato, Nordgarden inizia a suonare in concerti improvvisati nei bar degli studenti e inizia a imparare l’arte dell’esibizione dal vivo. Successivamente, scrive la canzone “The Gift Of Song”, dedicandola a Elliott Smith.

Volendo scappare dalla Norvegia, che trova noiosa nel suo equilibrio eccessivo, l’anno seguente si trasferisce a Bologna per esplorare l’avventuroso caos dell’Italia. S’innamora subito della gente, della cultura, dello stile di vita, del ritmo. Suona spesso in via Zamboni. E’ sulla strada che stringe amicizie e racimola denaro. Questo lo porta a suonare a un concerto a Firenze, dove conosce la fidanzata di Paolo Benvegnù. Da lì a poco Benvegnù ascolta una demo di Nordgarden e ne capisce immediatamente il talento. In meno di un anno i due realizzano la pre-produzione e la registrazione del primo album “Terje Nordgarden” (StoutMusic – 2003), che riceve ottime recensioni e molta attenzione da parte della stampa italiana. Nordgarden inizia un tour e diventa parte della scena alternativa italiana.

Tornato ad Oslo qualche anno dopo, deve sottoporsi a un intervento chirurgico per rimuovere una cisti che gli impedisce di cantare. L’operazione lo rallenta per un anno, ma gli dà anche la giusta ispirazione e un nuovo modo di considerare il canto, spingendolo a lavorare più duramente che mai e a solo un anno dall’operazione pubblica il suo secondo album “A Brighter Kind Of Blue” (Grappa 2006), che riceve una standing ovation dalla stampa norvegese. Prodotto insieme al trombettista Peder Oiseth (Palace of Pleasure, Mira Craig ecc), è un disco acustico solista che si rifà a classici come “Pink Moon” di Nick Drake e “Nebraska” di Bruce Springsteen, ma con tratti più luminosi e soprattutto la sua “nuova” voce, che forte e chiara è l’elemento centrale dell’album.

Nel 2008 Nordgarden comincia a muoversi senza una casa discografica e realizza la sua prima produzione indipendente. Influenzato dall’etica del “Do It Yourself” e stanco di non guadagnare niente, questa volta fa tutto da sé, registrando al Cabin Recorders (Jaga Jazzist, Thom Hell), uno studio di amici ad Oslo. Il risultato è “The Path Of Love” (GDN 2008), che esce per la sua etichetta GDN Records. L’album contiene canzoni intense e piene di nostalgia, prodotte con una full band e arrangiate al pianoforte nello stile di Roy Bittan. Il nuovo lavoro gli vale larghi cenni di assenso da parte della stampa norvegese, olandese e italiana, e gli permette di iniziare un tour di dimensioni europee che dura più di due anni.

Nel 2012 Nordgarden ricomincia da dove tutto era iniziato, alle radici della musica americana che lo ha ispirato per tutto questi anni. A febbraio 2012 pubblica “You Gotta Get Ready”. L’album ottiene grandi recensioni dalla stampa in Norvegia e in Italia, dove entra nella programmazione radiofonica nazionale (Radio Deejay). Ancora una volta inizia un tour senza sosta che per la prima volta tocca anche le zone settentrionali della Norvegia.

Nel 2013 esce il suo primo album in italiano “DIECI”, come gli anni passati dal suo album d’esordio pubblicato appunto nel 2003. Il disco contiene 10 canzoni di dieci artisti italiani diversi a cui vuole rendere omaggio, così come vuole omaggiare l’Italia, la sua seconda casa.

Il 2014 è un anno record con più di 140 concerti in giro per l’Europa, di cui 100 solo in Italia. Nordgarden pubblica la sua prima canzone di Natale – “A Merry Old Christmas”, che raggiunge la sua cifra più alta di ascolti su Spotify: più di 200.000.

Nel 2015 esce il suo album dal vivo “Live in Dresden”, un concerto solista registrato nella splendida cornice della Dreikonigskirche di Dresda.

Il 2016 vede l’uscita di “Tears All Over Town” e “You Must Be the Change”, due singoli che finiscono entrambi in high rotation sulla radio norvegese NRK P1.

Adesso, nel 2017, il nuovo album “Changes” è finalmente pronto. Uscirà a fine settembre in formato digitale, in CD e in vinile per GDN Records.
Discussione
image
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Effettua una veloce registrazione o autorizzazione.

Eventi prossimi @ Cine-Porto BOff:

Aperitivo francese e concerto Les Parapluies
Cine-Porto BOff

Eventi più atteso in Bologna :

Cesare Cremonini live a Bologna // Stadi 2018
Stadio Renato Dall'Ara
Cesare Cremonini live a Bologna • 26 giugno
Stadio Renato Dall'Ara
La notte della grande eclissi
Parco Di Via Dei Giardini Ca' Bura
Cesare Cremonini at Stadio Dall'Ara, Bologna
Stadio Renato Dall'Ara
Paz! - BOtanique Festival
BOtanique
Taranta Night: Mascarimirì - BOtanique Festival
BOtanique
Frah Quintale - Bologna - Botanique
Tonino Carotone - BOtanique Festival
BOtanique
Così Vicine - Ginevra Di Marco e Cristina Donà @Bologna - CUBO
CUBO Centro Unipol BOlogna
Gli eventi più popolare nel tuo newsfeed!